Autismo grave e la necessità di un sostegno in rapporto 1:1: i vizi del provvedimento difforme alle necessità indicate.

«Il diritto all’istruzione del minore portatore di handicap ha rango di diritto fondamentale, che va rispettato con rigore ed effettività sia in adempimento ad obblighi internazionali (artt. 7 e 24 della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità del 13 dicembre 2006, ratificata con l. 3 marzo 2009, n. 18), sia per […]

Taglio inadeguato di capelli da parte della maestra di sostegno a seguito di espresso dissenso della madre del minore: reato di violenza privata.

La Corte di Cassazione, Sez. V pen. sentenza n. 13538/2015 afferma che  “nei confronti di un soggetto incapace o anche solo parzialmente capace, ben può verificarsi una situazione di costrizione nel momento in cui l’agente, proprio approfittando dello stato di soggezione psicologica o di incapacità/incoscienza della vittima, assuma – di sua iniziativa, senza autorizzazione alcuna […]

Autismo e Vaccini: il nodo gordiano della prova del nesso causale e della multifattorialità nella eziopatogenesi.

Corte di Cassazione, Sez. LAVORO CIVILE, Sentenza n.12427 del 16/06/2016, Presidente VENUTI PIETRO  Relatore NEGRI DELLA TORRE PAOLO SENTENZA sul ricorso 16220-2014 proposto da: XX, rappresentato ex lege dalla signora YY madre ed amministratrice di sostegno, elettivamente domiciliato in …., presso lo studio dell’avvocato ….., che lo rappresenta e difende, giusta delega in atti; – […]

Indennità di accompagnamento tra pagamento dei ratei maturati, interessi legali e rivalutazione monetaria.

Corte di Cassazione, Sez. SESTA CIVILE, Ordinanza n.14418 del 14/07/2016, udienza del 24/05/2016, Presidente ARIENZO ROSA Relatore GARRI FABRIZIA ORDINANZA sul ricorso 26810-2014 proposto da: XX, nella qualità di legale rappresentante della minoreYY, elettivamente domiciliato in …., che lo rappresenta e difende unitamente all’Avvocato ….., giusta procura a margine del ricorso; – ricorrente – nonchè […]

Indennità di comunicazione: per la Cassazione irrilevanti autismo e sindrome di down.

Per la Corte di Cassazione la concessione dell’indennità di comunicazione disciplinata dalle disposizioni di cui agli artt. 4, I. n. 508/1988, e 1, comma 2, I. n. 381/1970 presuppone che la difficoltà di comunicazione da cui è affetto il richiedente sia derivata da una menomazione dell’udito, congenita o acquisita in età evolutiva, che gli abbia impedito l’apprendimento […]